info@fondazioneadm.org - Tel/Fax (+39) 089 4456144

Laboratorio di giardinaggio

Ciascun elemento del mondo vegetale ha un proprio ciclo di vita: nasce, cresce, produce, muore, rinasce... con l’arrivo della nuova stagione o sotto nuove forme !!

L'attività di GIARDINAGGIO o più correttamente Horticultural Therapy, fa leva sul potenziale educativo del conoscere tempi e stagioni, preparare la terra, seminare il seme, curare la pianta ed ottenere derivati: fiori, frutti, etc. La vita all’aperto e non, ma comunque a stretto contatto con la natura, il sole e l’aria fresca, oltre a giovare al fisico, incoraggia l’attività di relazione, ha una funzione ricreativa ed educativa, contribuisce a risvegliare interessi, il senso di responsabilità, stabilità emotiva, consapevolezza di sé e del tempo con effetti antidepressivi e calmanti.

L'attività di giardinaggio, nell’ambito delle persone con demenza, promuove un approccio attuale e funzionale finalizzato al miglioramento della qualità di vita della persona attraverso la stimolazione sensoriale, la coordinazione motoria, le abilità cognitive come l’attenzione e l’orientamento spazio-temporale e il benessere a contatto con la natura nelle sue varie forme.

In generale, il contatto diretto con la terra che viene sollevata ed arieggiata, restituisce sensazioni di leggerezza gioiosa : "Scavare buche è un po' come aprire un cassetto e frugarci dentro! “ L’utilizzo, poi, di piantine di verdure o semi di fiori da mettere in terra permette di aumentare l’autostima e la motivazione attraverso un riscontro più immediato dell'attività svolta.

Inoltre, questa attività alimenta il “prendersi cura” di un essere più piccolo e debole che dipende da noi per sopravvivere e favorisce la sensazione di essere utili ancora e di avere un impegno ogni mattina come “annaffiare il proprio fiore”!
Il giardinaggio infatti, favorisce anche la scansione del tempo, tempo della preparazione del terreno, della semina, della potatura, della raccolta, il susseguirsi dei giorni e delle stagioni.
Emergono, così, risultati positivi sul piano cognitivo, fisico e sociale, producendo benefici in termini del tono dell’umore e di benessere individuale.